Author: pierluigimastroserio

Visita pastorale – Cronaca / 5 – Parrocchia San Potito Martire (Ascoli Satriano)

Una Chiesa in ascolto

Il “cantiere sinodale” nella comunità di San Potito

In occasione della prima Visita Pastorale di S.E.R. Mons. Fabio Ciollaro alla comunità parrocchiale di “San Potito martire” in Ascoli Satriano si è tenuto giovedì 1° dicembre 2022 un incontro sinodale con alcuni esponenti delle diverse realtà associative presenti e operanti sul territorio. È stato sin da subito desiderio vivo del Vescovo incrociare gli sguardi e le storie di coloro che, spesso lontani dai nostri ambienti ecclesiali, con generosità danno il loro specifico apporto al bene comune, incontrandoli proprio nei loro spazi.
«Desidero cogliere quest’occasione anche per aprire quei “cantieri sinodali” in diversi ambiti della vita sociale e civile, che la Conferenza Episcopale Italiana propone in questo nuovo anno pastorale, per ascoltare chi a volte non si sente ascoltato o compreso dalla Chiesa»: così si legge nel decreto con cui il vescovo Fabio ha indetto la Visita Pastorale in tutto il territorio della nostra Chiesa diocesana. E così, nel suggestivo auditorium “Santa Maria degli Angioli” si sono alternati gli interventi di chi, a vario titolo, rende la bella Ascoli Satriano una cittadina culturalmente vivace e dinamica: Armando Di Napoli, presidente della sezione di Ascoli dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), che, nel suo impegno culturale pacifista, sta promovendo l’ottenimento della medaglia d’oro al valore civile in favore dell’amato Mons. Vittorio Consigliere; Angelo D. Infante, presidente del Centro Studi “Atlantide”, che, come suggerisce il nome stesso, si propone di far “emergere” la cultura, recuperando tradizioni e prassi che hanno forgiato l’identità di un popolo intero; la dott.ssa Alina Capuano, che, nell’esperienza di confronto e di dialogo degli incontri bisettimanali del Caffè letterario, si propone di suscitare la passione per la lettura; il giovane Giuseppe Frisiello, che ha invece raccontato l’esperienza delle compagnie dei “teatranti improvvisati” Junior e Senior, che, nate per volere del Centro Studi “Atlantide”, si prefiggono un vero e proprio cammino di scoperta ed espressione di sé; Francesco Roccia, con la sua associazione Flower’s Child, volta all’insegnamento del suono della batteria; e Laura Flagella, che rappresentava la Power Drum Band, un gruppo di musicisti che da diversi anni animano le serate delle principali piazze del territorio e non solo.
Dopo le presentazioni, il vescovo Fabio ha chiesto ai presenti di guardare alla realtà ecclesiale e di mettere in luce punti di forza e di debolezza, positività e criticità, per poter avanzare qualche proposta concreta. C’è stato chi ha apprezzato la bellezza dell’inclusione di cui la Chiesa è capace, vera e propria casa dove tutti possono partecipare; chi ha sperimentato la disponibilità dei suoi ministri, la cui vita è spesa nella gratuità del dono; chi ha visto nello stile del servizio la cifra di una vita pienamente riuscita; e infine chi ha sensibilmente riconosciuto la capacità di ascolto e di accoglienza che le comunità cristiane vivono nelle parrocchie e sulle strade del mondo. C’è stato chi ha, inoltre, messo in luce le sfide che la Chiesa è chiamata ad affrontare, in particolare rispetto alla delicata questione educativa.
L’ascolto attento è stato, così, un’occasione preziosa di conoscenza e di confronto: con grande affabilità, il Vescovo ha incoraggiato ciascuno a offrire il proprio contributo perché lo scoraggiamento e la fatica non prendano il sopravvento e perché la cultura possa fiorire in una terra, come quella ascolana, da sempre intrisa di storia e di bellezza.

Il cronista

Servizio Civile Universale – Caritas diocesana Cerignola – Ascoli Satriano – Avviso Bando 2022

La nostra Caritas Diocesana vede finanziati 2 progetti in Italia, per un totale di 24 posti. I progetti hanno una durata di 12 mesi. I due progetti sono:

  • Sostenere la speranza-Caritas Cerignola, che prevede l’impiego di 12 volontari (3 per ogni sede), da impiegare nelle seguenti sedi: Casa della Carità, piano san Rocco, snc – Cerignola; Parrocchia sant’Antonio, via Cola di Rienzo, 2 – Cerignola, Parrocchia SS. Crocifisso, via Emilia Romagna, snc – Orta Nova, Parrocchia San Giuseppe, Piazza Padre Pio, snc – Carapelle;
  • Potenziare i processi educativi-Caritas Cerignola, Che prevede l’impiego di 12 volontari (3 per ogni sede) da impiegare nelle seguenti sedi: Centro educativo Diorama, via V Addolorata, 79 – Cerignola; Parrocchia san Francesco d’Assisi/Sostegno scolastico, via sant’Agostino, 12 – Cerignola, Parrocchia san Leonardo Abate, via Stella, 1 – Cerignola, Parrocchia Cristo Re, via Piave, 4 – Cerignola.

La scadenza per le domande da parte dei giovani è fissata al 10 febbraio alle ore 14.00

PADRE NELLA FEDE – Omelia nella celebrazione diocesana per il defunto Papa emerito Benedetto XVI

In foto, il vescovo Fabio presso la salma di papa Benedetto.

 

PADRE NELLA FEDE

Omelia nella celebrazione diocesana per il defunto Papa emerito Benedetto XVI

Duomo di Cerignola, 4 gennaio 2023

 

  1. Un bisogno del cuore ci porta a raccoglierci in questa celebrazione diocesana, alla vigilia delle esequie del defunto Papa emerito Benedetto. Ieri sono stato a Roma a inginocchiarmi vicino alla sua salma e spiritualmente vi ho portato con me, raccomandando alla preghiera di papa Benedetto la Chiesa universale in questo frangente della storia, la nostra diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, il ministero dei nostri sacerdoti e il mio servizio episcopale in mezzo a voi. Oggi ci ritroviamo per lui in questo Duomo, a conferma di ciò che egli ci ha detto: “Chi crede non è mai solo, non lo è nella vita e neanche nella morte”. Noi confidiamo che il suo cuore abbia potuto sperimentare questa dolce certezza nell’ora del suo passaggio all’altra vita, e che ancor di più lo sperimenti adesso mentre tutta la Chiesa prega perché la sua anima, purificata dalle scorie terrene, gioisca per sempre nella visione beatifica del cielo.

Ci colpisce il fatto che il vangelo di oggi, 4 gennaio, nel racconto giovanneo sull’incontro dei primi discepoli con Gesù, riporti quella parola singolare che il Signore rivolse al pescatore Simone: Fissando gli occhi su di lui, disse: Tu sei Simone, figlio di Giovanni. Ti chiamerai Kefa, che vuol dire pietra. Era la prima volta che s’incontravano. Simone era un uomo con i piedi ben piantati per terra, forse era andato un po’ scettico a vedere questo nuovo predicatore, di cui il fratello Andrea gli aveva parlato con tanto entusiasmo. Ma ora si sente guardato in profondità e ascolta un po’ stranito quello che Gesù gli dice: Tu sei Simone, figlio di Giovanni, cioè so chi sei e a chi sei figlio, so come sei, la tua indole, la tua sincerità e anche i tuoi punti deboli, conosco tutta la tua vita in ogni aspetto. Tu, proprio tu, ti chiamerai Kefa, un nome aramaico, dialettale, che l’evangelista si affretta a tradurre per noi. Ti chiamerai Kefa, che vuol dire pietra. Né Simone né gli altri in quel momento capirono perché quel cambiamento di nome. Ma intuirono che Gesù aveva un progetto particolare su di lui. Quel nome indicava una missione, che al momento giusto sarebbe apparsa chiara. Non certo per la fermezza del suo carattere, che anzi gli difettava; bensì in forza del mandato a lui affidato, Simone sarebbe divenuto Kefa, la solida roccia che avrebbe sostenuto la fede degli altri apostoli e della Chiesa fondata da Cristo.

  1. Fissando gli occhi su di lui, disse: Tu sei Simone, figlio di Giona, ti chiamerai Kefa, che vuol dire pietra. C’è stato un giorno in cui questa parola evangelica si è compiuta anche per il cardinale Joseph Ratzinger. Sotto le volte della Cappella Sistina, con sgomento ha sentito risuonare il suo nome tante volte, man mano che procedeva lo spoglio delle votazioni, fino al momento in cui gli è stata posta la domanda cruciale: Accetti l’elezione? Negli anni precedenti, raggiunti i limiti di età, aveva pregato più di una volta Giovanni Paolo II di sollevarlo dai suoi compiti a Roma, ma il papa gli aveva chiesto di restare accanto a lui fino alla fine. Morto Giovanni Paolo II, ormai pregustava il giusto riposo e non vedeva l’ora di tornare finalmente nella sua terra, in Baviera. E invece a 78 anni si sente porre quella domanda tale da far tremare a chiunque le vene e i polsi: Accetti?   Umanamente avrebbe preferito altro, ma in quel momento i segni erano chiari: proprio a lui veniva chiesto di succedere a Giovanni Paolo II e di assumere il mandato dell’Apostolo Pietro. E lo vedemmo apparire al balcone della basilica in piazza San Pietro, con il nuovo nome di Benedetto XVI, timido e stupefatto, facendosi coraggio con pensieri di fede, e presentandosi sinceramente come un umile lavoratore nella vigna del Signore.

Tu sei Simone, figlio di Giovanni. Scegliendo il pescatore di Galilea, Gesù sapeva bene come era fatto, con i suoi pregi e i suoi punti deboli, ma ha voluto proprio lui come Roccia della Chiesa. Noi, invece, non conoscevamo il nuovo Papa o lo conoscevamo solo attraverso le immagini distorte che davano di lui i mezzi delle comunicazioni sociali, distorsioni che purtroppo hanno continuato a diffondere implacabilmente. Ma egli non si è fermato a raccogliere i sassi e a rilanciarli. Nella sua mansuetudine non reagiva, come Gesù: oltraggiato non rispondeva con oltraggi e soffrendo non minacciava vendetta. Invece, finché le forze fisiche lo hanno accompagnato si è dedicato totalmente alla missione ricevuta, come Pastore e Maestro della Chiesa, ma anche come sereno interlocutore di chi cerca di camminare nella vita alla luce della ragione.

Il compito fondamentale di ogni successore di San Pietro è sempre identico, ma ogni Papa lo svolge con le sue personali caratteristiche. Così Joseph Ratzinger ha messo a servizio di tutti lo specifico carisma che il Signore gli aveva dato in abbondanza e che sempre lo ha contraddistinto:  l’intelligenza penetrante unita al dono di saper insegnare in modo cristallino. Lo sapevano bene i giovani studenti che facevano ressa intorno alla sua cattedra, tanto che le aule universitarie non riuscivano mai a contenere tutti quelli che volevano seguire i suoi corsi. Sapevano l’ordito inconfondibile delle sue lezioni, la sua capacità di far affiorare le domande che l’intelligenza pone alla fede, la forza della logica e delle sue argomentazioni, il linguaggio limpido e piano, con sfumature a volte di poesia e di bellezza. Ma conoscevano anche la sua modestia, l’assenza di ogni sussiego, la gentilezza con cui si rapportava con chiunque.

E così lo abbiamo conosciuto anche noi, negli anni del suo pontificato. Quanta sicurezza e profondità nei suoi insegnamenti! Quanta fiducia in Dio, quanta speranza sapeva alimentare in noi nonostante le diagnosi lucidissime di cui era capace riflettendo sulle situazioni attuali! Egli è stato veramente Kefa, la solida roccia che ha sostenuto la nostra fiducia sempre vacillante. Sentivamo in Lui la gioia della fede, nutrita di preghiera, ancorata a ciò che non è mutevole e caduco. Sentivamo in lui l’amore per la Chiesa, per le ricchezze spirituali della liturgia, per il cielo stellato dei santi, per la bellezza che il cristianesimo ha generato in ogni espressione artistica, per la testimonianza di carità e di servizio di tanti discepoli di Gesù. E proprio perché amava la Chiesa, ha saputo chiamare per nome e ha affrontato con risolutezza la sporcizia, con cui l’hanno deturpata quei sacerdoti infedeli e corrotti, di cui si sono manifestati i peccati e i reati. Ma ciò non ha scalfito mai la sua fiducia nel bene, che è più grande del male. Così come il pensiero debole, tipico della cosiddetta società liquida, non ha scalfito mai la sua fiducia nella forza della ragione, e da qui è scaturito quell’incoraggiamento che egli ha dato in tante occasioni a non rinunciare all’uso della ragione, a non amputare la nostra intelligenza, a non restringerne l’orizzonte di ricerca e di riflessione. Ecco perché anche persone agnostiche ma oneste o atee ma oneste hanno espresso gratitudine per la “luce gentile” che promanava dalle sue parole.

Poi è venuto un insegnamento del tutto inatteso, derivante dalla sua meditata rinuncia al pontificato. Era una possibilità espressamente prevista dal diritto canonico, ma rarissima fino ad oggi nella lunga storia della Chiesa. Passato lo sconcerto iniziale, abbiamo compreso sempre meglio il suo coraggio e la sua umiltà nel compiere un passo così. Aveva constatato che la vita si va allungando, ma avvertiva che le sue forze fisiche diminuivano  sempre più, e cominciò a interpretarlo  come un nuovo segno che gli veniva dato. In quel periodo interrogò più volte la sua coscienza sensibile e matura, cioè interrogò il Signore, e con la calma che nasce quando le decisioni si prendono veramente in coscienza e davanti a Dio, fece la sua scelta. La fece per il bene della Chiesa, senza ritenersi insostituibile, riaffermando la sua fiducia nel Signore. “Ho sempre saputo – disse allora – che la barca della Chiesa non è mia, non è nostra, ma è sua. E il Signore non la lascia affondare, è lui che la conduce”. E da allora un affetto ancora più grande verso papa Benedetto è cresciuto dentro di noi.

  1. In questi ultimi anni, vissuti in modo silenzioso, appartato e modesto, una cosa sola lo ha fatto soffrire: che il suo nome venisse contrapposto strumentalmente al nuovo Papa o venisse usato a pretesto per delegittimarlo. Invece abbiamo visto tutti il rispetto, la lealtà, il sostegno che il papa emerito ha dato a papa Francesco, mentre al tempo stesso siamo stati edificati dall’amore e dalle attenzioni che papa Francesco ha avuto verso papa Benedetto e dall’alta stima che in tante occasioni ha testimoniato nei suoi riguardi. Fratelli sacerdoti e voi tutti, figli e figlie di questa diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, accogliamo con gratitudine anche questo suo ultimo insegnamento. Noi siamo con il Papa. Non è questione di simpatia o di affinità maggiore o minore verso l’uno o verso l’altro. Noi siamo con il Papa perché è il Successore di Pietro. A Lui è stato detto: pasci le mie pecorelle. Oggi il Successore di Pietro è papa Francesco. Dunque, non lasciamoci incantare da sofismi. Il Papa è il Papa. Intorno a lui ci stringiamo in unità. Tutti possiamo dare il nostro contributo alla vita della Chiesa, ma papa Francesco, per usare un’immagine, ha il compito di indicare la rotta nella navigazione odierna, la direzione più adatta nel nostro tempo. Il patrimonio fondamentale della fede, come sappiamo, è invariabile, né può essere manipolato a piacimento da un papa, da un vescovo o da un prete. Però, salva la sostanza, può variare il modo di proporlo, si possono valutare con saggezza le priorità nelle scelte pastorali, si può individuare la linea concreta da seguire per aprirsi alle situazioni contingenti, per cercare sempre il bene delle anime, perché questo deve stare a cuore a ogni pastore. Resta la luce del Vangelo, restano lo spirito e la lettera del Concilio Vaticano II, in un’ermeneutica di continuità con il magistero precedente, resta la nostra docilità verso il Pastore della Chiesa di oggi, seguendo il cammino che papa Francesco ci indica. Noi siamo con il Papa, lo amiamo e desideriamo fare tesoro dei suoi insegnamenti. Anche in questo onoreremo la memoria del defunto pontefice emerito e ne seguiremo l’esempio.

Con questi pensieri e questi propositi, desideriamo salutarlo con filiale devozione nel suo passaggio all’altra vita. Senza voler prevenire il giudizio che a suo tempo potrà essere dato da coloro a cui compete, mi viene spontaneo rivolgermi a papa Benedetto con l’inno dei santi pastori e dottori della Chiesa:

Maestro di sapienza

e Padre nella fede

tu splendi come fiaccola

nella Chiesa di Dio.

Tu illumini ai credenti

il mistero profondo

del Verbo fatto uomo

per la nostra salvezza.

Tu guidaci alla vetta

della santa montagna,

dove i miti possiedono

il regno del Signore.

 

Non si intravede in queste strofe il suo profilo? Non si intravedono il suo magistero, la sua umiltà, la sua mitezza? Così lo abbiamo conosciuto, così ringraziamo il Signore di avercelo donato. A lode di Cristo. Amen.

 

+ Fabio Ciollaro

(In foto, il vescovo Fabio presso la salma di papa Benedetto)

Per il papa emerito Benedetto XVI: il vescovo Fabio Ciollaro presiederà la celebrazione eucaristica

“Tutta la nostra diocesi, unita alla Chiesa universale, si raccoglie in preghiera per il defunto papa emerito Benedetto”: si legge così nella comunicazione inviata questa mattina, 2 gennaio 2023, da mons. Antonio Mottola, vicario generale della diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, al clero e ai fedeli, ai religiosi e alle religiose, ai direttori degli Uffici di Curia e ai membri dell’articolata realtà associativa.

“Ci ritroveremo – continua mons. Mottola – nel Duomo di Cerignola mercoledì, 4 gennaio alle ore 19”, specificando che, la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Fabio Ciollaro, esprime “il senso ecclesiale di questo momento diocesano”.

Sabato, 31 dicembre, appresa la notizia della scomparsa del Papa emerito, è stato il vescovo Fabio, facendosi voce del cordoglio della Chiesa locale, a scrivere che “Noi gli saremo per sempre grati per il suo magistero profondo e sicuro, e per il suo esempio di mitezza e di umiltà. In questo momento è consolante ricordare ciò che un giorno egli ha detto: ‘Chi crede non è mai solo – non lo è nella vita e neanche nella morte’. Siamo certi che abbia potuto sperimentarlo con dolcezza anche nei suoi ultimi istanti”.

Comunicazione alla Diocesi per la morte di Benedetto XVI

Al clero e ai fedeli della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

Siamo tutti  colpiti dalla morte del nostro amato e venerato Papa emerito Benedetto. La storia, quietate le animosità, riconoscerà la sua grandezza. Noi gli saremo per sempre grati per il suo magistero profondo e sicuro, e per il suo esempio di mitezza e di umiltà.

In questo momento è consolante  ricordare ciò che un giorno egli ha detto: “Chi crede non è mai solo – non lo è nella vita e neanche nella morte”. Siamo certi che abbia potuto sperimentarlo con dolcezza anche nei suoi ultimi istanti.

+ Fabio Ciollaro

Vescovo

_______________________________________

  1. A mezzogiorno di oggi, subito dopo il suono consueto delle ore 12, e poi stasera alle ore 18, tutte le chiese suoneranno per un minuto con i rintocchi per i defunti.
  2. Attenderemo disposizioni per le celebrazioni esequiali.
  3. Nelle SS. Messe di stasera e domani inseriremo questa preghiera:

Per il nostro defunto papa emerito Benedetto: perché la sua anima gioisca per sempre nella visione beata di Dio e tutta la Chiesa custodisca con gratitudine i suoi insegnamenti, preghiamo.

Torna “Salsa Bakhita”: Caritas e “Pietra di Scarto” nel ghetto di Tre Titoli per coltivare dignità

“Fortunata”: questa è la traduzione di Bakhita, la santa schiava del Darfur a cui la Caritas Diocesana di Cerignola-Ascoli Satriano ha voluto intitolare la struttura costruita in Contrada “Tre Titoli”, undici chilometri dal centro abitato, in pieno “Ghetto Ghana”, luogo di fatica e dolore per i tanti migranti in cerca di una possibilità nel nostro Paese, che però dell’Italia hanno visto solo il lato peggiore: quello dello sfruttamento e dell’esclusione.

“Fortunata” come la passata di pomodoro ciliegino, che da il nome a questo progetto alla sua seconda annualità, che vede protagonista la Caritas Diocesana insieme ad una storica realtà del terzo settore cittadino: la Cooperativa Sociale “Pietra di Scarto”, da sempre impegnata nella lotta al caporalato.

“Salsa Bakhita”: questo il nome dell’iniziativa che ha visto nuovamente impiegata la cooperativa nella coltivazione di circa 10.000 piantine di pomodoro sui terreni circostanti “Casa Bakhita”, un centro pastorale fortemente voluto dalla Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano per portare servizi agli abitanti di questo “non luogo”, fatto di esclusione sociale e fatica di vivere.

Per la gestione dell’appezzamento sono state assunte dalla Cooperativa persone migranti provenienti da un percorso fatto di difficoltà e sofferenza, segnalate dalla Caritas Diocesana.

Il risultato finale è un prodotto che, per la prima volta, è stato trasformato presso il nuovo opificio situato all’interno del Laboratorio di Legalità “Francesco Marcone”, bene confiscato alla mafia che “Pietra di Scarto” gestisce dal 2010.

“Salsa Bakhita rappresenta per noi un segno – dichiara don Pasquale Cotugno, direttore della Caritas Diocesana – che ci parla di dignità del lavoro e di diritti. Un segno che continua a parlarci e a indicarci una strada da percorrere, la strada del riscatto sociale per formare una società in cui nessuno si senta escluso e dove le diversità vengono sempre integrate. Non abbiamo la presunzione di risolvere il problema del caporalato nel nostro territorio, crediamo però che siamo chiamati a realizzare segni di Speranza attraverso i quali le catene della schiavitù possono essere spezzate”.

“Siamo stati molto felici di poter includere anche la fase della trasformazione all’interno della filiera di produzione”, afferma Pietro Fragasso, presidente della “Pietra di Scarto”. “E lo siamo ancora di più perche molte delle persone impiegate in questa operazione – soprattutto donne – provengono da situazioni di sfruttamento all’interno di ‘magazzini’, dove si lavora spesso in condizioni estreme, senza contratto e con orari folli. Con questa esperienza di sinergia tra Caritas e noi proponiamo un’altra strada. Salsa Bakhita rappresenta un prodotto che racconta il riscatto di esseri umani finalmente liberati dallo sfruttamento, protagonisti di un lavoro dignitoso. Un prodotto ‘giusto’ e solidale che può diventare simbolo di un territorio desideroso di riscatto”.

Gli introiti dell’iniziativa serviranno a sostenere nuove progettualità e a sviluppare opportunità occupazionali per persone in situazione di fragilità.

Per info e prenotazioni: www.pietradiscarto.itordini@pietradiscarto.it