Sociale – Lavoro

Verso “la costituzione di una comunità sostenibile”: il programma della quinta Settimana Sociale Diocesana

Si svolgerà dal 15 al 18 giugno 2022, nella nuova location di Palazzo “Fornari”, sito sul Piano delle Fosse a Cerignola, la quinta Settimana Sociale Diocesana, organizzata dall’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro e dalla Caritas Diocesana, quest’anno centrata sul tema “La costituzione di una comunità sostenibile”. L’evento si pone l’obiettivo di trattare il tema della sostenibilità nella società, alla luce della difficile situazione umana e comunitaria che caratterizza la contemporaneità, approfondendo argomenti che spazieranno dall’ambientale all’economico, dal sociale al politico, passando attraverso la legalità e la prossimità, nella convinzione che “tutto è connesso”, come insegna il magistero di papa Francesco.

“La Settimana Sociale Diocesana – afferma l’avv. Gaetano Panunzio, direttore dell’Ufficio Diocesano di Pastorale Sociale – rappresenta un fondamentale esercizio di sinodalità e di democrazia. Siamo felici di poter continuare a camminare su questo sentiero e di dare, come cattolici, il nostro contributo. Il tema scelto, quello della sostenibilità, si inserisce in un momento storico importante. Espressamente abbiamo voluto trattare l’argomento dal punto di vista ambientale, economico e sociale poiché queste tematiche spesso risultano affrontate come entità sciolte, ma in realtà costituiscono un corpo unico che deve muoversi all’unisono per giungere all’obiettivo, che è quello del corretto funzionamento di ogni comunità”.

Dopo i saluti di don Pasquale Cotugno, direttore della Caritas diocesana, dell’avv. Panunzio, e dell’on. Francesco Bonito, sindaco di Cerignola, introdotti dalla relazione del prof. Angelo Giuseppe Dibisceglia (Università Pontificia Salesiana – Roma; Facoltà Teologica Pugliese – Bari), referente diocesano per il cammino sinodale, e in continuità con i lavori della Settimana Sociale di Taranto, il 15 giugno saranno approfonditi il tema economico e ambientale. A guidare la riflessione saranno il prof. Sebastiano Nerozzi (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano), economista e nuovo segretario del Comitato Scientifico organizzatore delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani, che interverrà su “Transizione energetica e cammino sinodale dopo la Settimana Sociale di Taranto”, e il prof. Alessandro Marescotti, presidente di Pacelink, che approfondirà la “Giustizia ambientale e strategie di transizione ecologica”. Modererà il dott. Luca Maria Pernice, giornalista de “Il Corriere del Mezzogiorno”.

Il secondo giorno sarà ospite il dott. Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), che accompagnerà i partecipanti nella comprensione de “L’importanza della sostenibilità all’interno della comunità”. L’ANCI, infatti, da tempo conduce una campagna a favore della sostenibilità sotto diversi profili: l’economico, l’urbano, l’ambientale. Coordinerà l’intervento il dott. Gennaro Balzano, giornalista de “lanotiziaweb.it” e de “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

Il terzo giorno, moderato dal dott. Francesco Rossi, giornalista di Tele Dehon, sarà caratterizzato dalla tavola rotonda che confronterà le buone prassi tese a rendere una comunità veramente sostenibile. Interverranno il prof. Gian Luigi Lepri (Università di Sassari), membro del Comitato Europeo sulle Città riparative, che racconterà l’esperienza di Tempio Pausania; il dott. Giancarlo Visitilli, giornalista e presidente della Cooperativa “I bambini di Truffaut” di Bari, operante nel settore socio-educativo attraverso le articolate attività messe in atto per il recupero dei minori a rischio devianza, come la cultura e l’educazione all’arte, alla musica, al teatro, al cinema; il dott. Mohammed Elmajdi, segretario territoriale CISL di Foggia, che affronterà il tema del caporalato.

Sabato, 18 giugno, giornata conclusiva della Settimana. Dopo l’introduzione di mons. Vincenzo D’Ercole, segretario dell’equipe diocesana per il cammino sinodale, nella prospettiva dello stile voluto dal Santo Padre, ai tavoli di lavoro si confronteranno, sui temi trattati, rappresentanti della locale realtà ecclesiale, amministratori, membri dell’associazionismo e dei sindacati, allo scopo di elaborare il “Manifesto della Sostenibilità” che raccoglierà gli obiettivi della comunità cittadina in tema di sostenibilità e che sarà consegnato alle Amministrazioni che guidano i nove paesi della diocesi.

“Costruire una società, una comunità sostenibile – afferma don Cotugno – oggi è di fondamentale importanza. La si realizza solo se rivediamo e studiamo nuovi stili di vita, programmando interventi sociali che tutelino i diritti della persona. Oggi la società diventa sostenibile – a fronte di una realtà sempre più tesa a investire in armi che alimentano solo contrasti – se l’ambiente, il lavoro, l’attenzione all’altro diventano temi prioritari”.

“La vera ricchezza sono le persone”: dal dramma delle morti sul lavoro alla cultura della cura – Gli appuntamenti per la Festa dei Lavoratori in diocesi

“Solo se ogni attore della prevenzione, a diverso titolo – a partire dalle istituzioni e dalle parti sociali – contribuisce al contrasto degli eventi infortunistici, si avrà una vera svolta. Per questo è necessario risvegliare le coscienze. Grazie a un’assunzione di responsabilità collettiva si può attuare quel cambiamento capace di riportare al centro del lavoro la persona, in ogni contesto produttivo”: è l’auspicio espresso dall’episcopato italiano nel Messaggio per la Festa dei Lavoratori che, sul tema “‘La vera ricchezza sono le persone’. Dal dramma delle morti sul lavoro alla cultura della cura”, sarà celebrata in diocesi nei giorni 30 aprile-1° maggio 2022.

A partire dal valore dell’Eucaristia, richiamando il forte legame esistente tra uomini e lavoro, nonché le contraddizioni del delicato momento storico e le responsabilità condivise per una cura della salute del lavoratore, i Vescovi della Commissione Episcopale per i Problemi Sociali, la Giustizia e il Lavoro, la Giustizia e la Pace, affermano: “Il nostro primo pensiero va, in particolare, a chi ha perso la vita nel compimento di una professione che costituiva il suo impegno quotidiano, l’espressione della sua dignità e della sua creatività, e anche alle famiglie che non hanno visto far ritorno a casa chi, con il proprio lavoro, le sosteneva amorevolmente. Così come non possono essere dimenticati tutti coloro che sono rimasti all’improvviso disoccupati e, schiacciati da un peso insopportabile, sono arrivati al punto di togliersi la vita. La nostra preghiera, la fiducia nel Signore amante della vita e la nostra solidarietà siano il segno di una comunità che sa ‘piangere con chi piange’ (cf Rm 8,15) e di una società che sa prendersi cura di chi, all’improvviso, è stato privato di affetti e di sicurezza economica”.

Questo il programma della due-giorni in diocesi:

30 aprile 2022 – ore 18,30 – Salone “Giovanni Paolo II” (Curia Vescovile, piazza Duomo, Cerignola), convegno su “‘La vera ricchezza sono le persone’. Dal dramma delle morti sul lavoro alla cultura della cura”: evento organizzato dalla Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, dall’Ufficio Diocesano per i Problemi Sociali, la Giustizia e il Lavoro, la Giustizia e la Pace, in collaborazione con la sezioni locali di CGIL, CISL, UIL, e con il Patrocinio dell’INAIL-Direzione Provinciale della Puglia. Introduce: Avv. Gaetano Panunzio, Direttore dell’Ufficio Diocesano di Pastorale Sociale e del Lavoro. Saluti: Dott. Francesco Bonito, Sindaco di Cerignola; Gerardo Leone, Segretario cittadino CISL. Interventi: Dott. Sebastiano Leo, Assessore Regionale Formazione e Lavoro, Politiche per il lavoro, Diritto allo studio, Scuola, Università, Formazione Professionale; Dott. Francesco Petillo, Direttore INAIL-Foggia-BAT; Avv. Claudio de Martino, giuslavorista e assegnista di ricerca all’Università di Firenze. Modera: Dott. Gennaro Balzano, Giornalista de “La Gazzetta del Mezzogiorno” e de lanotiziaweb.it.

1° maggio 2022 – ore 8,30 – Basilica Cattedrale San Pietro Apostolo (Cerignola), celebrazione eucaristica presieduta da Sua Ecc. Mons. Francesco Cacucci, Amministratore Apostolico della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, con il mondo del lavoro.

L’impegno della diocesi per fronteggiare l’“Emergenza Ucraina”: raccolta fondi straordinaria il 24 aprile 2022

È comune l’apprensione per quanto sta accadendo in Ucraina. È una “guerra crudele e insensata che, come ogni guerra, rappresenta una sconfitta per tutti, per tutti noi”, ha affermato papa Francesco all’Angelus di domenica 27 marzo, ribadendo l’invito a “ripudiare la guerra, luogo di morte dove i padri e le madri seppelliscono i figli, dove gli uomini uccidono i loro fratelli senza averli nemmeno visti, dove i potenti decidono e i poveri muoiono”.

Per rispondere all’emergenza in corso, “Anche la nostra Caritas diocesana si è attivata per l’accoglienza ai profughi provenienti dall’Ucraina. Abbiamo istituito un Tavolo Istituzionale con i Sindaci dei Comuni dell’intero Ambito, l’Asl, la Protezione Civile, la Croce Rossa e altre Associazioni per garantire una rete di accoglienza e di servizi adeguati all’accoglienza. Attualmente abbiamo in accoglienza 42 persone tutte provenienti da Kiev. Sono nuclei familiari quasi tutti monogenitoriali con bambini o minori affidate a nonne”: scrive così don Pasquale Cotugno, direttore della Caritas diocesana, nella lettera inviata nei giorni scorsi ai parroci della Chiesa di Cerignola-Ascoli Satriano.

Diverse, infatti, sono le comunità parrocchiali che hanno messo a disposizione strutture e case canoniche che permetteranno di poter accogliere altre famiglie: attualmente sono coinvolte, con Casa “Rosati”, le parrocchie SS. Crocifisso, San Domenico, San Trifone Martire di Cerignola; la parrocchia Beata Vergine Maria Addolorata di Orta Nova; la parrocchia Purificazione della Beata Vergine Maria di Candela, nonché alcune famiglie che si sono rese disponibili all’accoglienza.

Un appuntamento importante, sostenuto da Sua Ecc. Mons. Francesco Cacucci, amministratore apostolico, attende la diocesi il prossimo 24 aprile 2022, domenica nell’Ottava di Pasqua, quando le “comunità, i gruppi associativi e le confraternite” parteciperanno “a una raccolta fondi straordinaria” per l’“Emergenza Ucraina”. Per l’occasione, quanti vorranno potranno effettuare donazioni anche tramite bonifico bancario specificandone la finalità – “Emergenza Ucraina” – e utilizzando le seguenti coordinate: Banca Intesa San Paolo –  Iban: IT50X0306909606100000105081. “Con un impegno costante – continua don Pasquale – Caritas Italiana cerca di adattare gli interventi ai bisogni effettivi, con grande flessibilità e con una progettazione unitaria per rispondere al meglio alle reali esigenze delle persone, in particolare le più vulnerabili”.

La celebrazione della Giornata Nazionale per la Custodia del Creato nella diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

“‘Camminare in una vita nuova’” (Rm 6,4). La transizione ecologica per la cura della vita” è il titolo della 16ª Giornata Nazionale per la Custodia del Creato che vede la Chiesa italiana in cammino verso la 49ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, in programma a Taranto dal 21 al 24 ottobre prossimi, che avrà per titolo “Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tuttoèconnesso”. La diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, attraverso l’Ufficio di Pastorale sociale e del lavoro e l’Ufficio per l’Ecumenismo e il dialogo, non mancherà di celebrare questo importante appuntamento con un momento di riflessione fissato il 22 settembre a Orta Nova, con inizio alle ore 20, nella chiesa parrocchiale della Beata Vergine Maria Addolorata.

All’incontro, che si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19, dopo i saluti di don Saverio Grieco, direttore dell’Ufficio per l’Ecumenismo, e dell’avv. Gaetano Panunzio, direttore dell’Ufficio per i Problemi Sociali, interverranno fra’ Gianparide Nappi ofm, delegato per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Provincia Salernitano-Lucana dell’Ordine dei Frati Minori, e Antonello Zaza, responsabile Tekra-Area Puglia. Concluderà l’incontro Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, vescovo della diocesi e presidente della Commissione Episcopale/Cei per i problemi sociali, il lavoro, la giustizia e la pace. Modererà la dott.ssa Maria Rosaria Attini, presidente diocesana di Azione Cattolica. Inquadrando il codice QR riportato sul manifesto, è possibile accedere alla pagina del sito www.cerignola.chiesacattolica.it e scaricare i materiali relativi alla celebrazione della Giornata.

Nuovi stili di vita, “nei quali la ricerca del vero, del bello e del buono e la comunione con gli altri uomini per una crescita comune siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi e degli investimenti” (Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Centesimus annus, 1° maggio 1991, n. 36), scaturiscono da un effettivo cambiamento di mentalità e da una grande attenzione nei confronti del creato, nella considerazione che esiste una profonda reciprocità tra noi, il prossimo, la creazione e Dio: “nel prenderci cura del creato, noi constatiamo che Dio, tramite il creato, si prende cura di noi” (Benedetto XVI, Messaggio per la XLIII Giornata Mondiale della Pace Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato, 1° gennaio 2010, n. 13).

“L’epoca che stiamo vivendo è piena di contraddizioni e di opportunità. – scrivono i Vescovi nel messaggio per la Giornata – Nella fede siamo chiamati ad abbandonare ciò che isterilisce la nostra vita: nell’incontro con Cristo rinasce la speranza e diveniamo capaci di rinnovata fecondità. San Paolo nella lettera ai cristiani di Roma ricorda il grande annuncio pasquale che si realizza nel battesimo di ciascuno: in Cristo siamo morti al peccato e ‘possiamo camminare in una vita nuova’ (Rm 6,4). La vita nuova di cui si parla colloca il discepolo di Gesù in una comunione profonda con Dio. A partire da questa esperienza possiamo immaginare una vera fraternità tra gli uomini, come suggerisce l’Enciclica Fratelli tutti, e una nuova relazione con il creato, secondo il disegno dell’Enciclica Laudato si’”.

“La Giornata del Creato – afferma al proposito l’avv. Panunzio – si pone sulla scia della Settimana Sociale di Taranto che, con l’hastag #tuttoèconnesso, affronterà il tema dell’ambiente, del lavoro e del futuro. Un cammino che impone una profonda riflessione sul delicato periodo che stiamo vivendo; una riflessione sul ruolo che noi cittadini abbiamo nella custodia della nostra casa, per realizzare a tutti i livelli quella conversione ecologica cui ci invita il sesto capitolo dell’enciclica Laudato si’ di papa Francesco. Già l’Instrumentum Laboris, documento preparatorio alla Settimana Sociale, richiama l’importanza di un intervento immediato che possa contrastare il degrado socio-ambientale”.

“Mi sarebbe piaciuto poter ammirare e amare l’opera del creato prima che fosse violentata da qualsiasi inquinamento ad opera dell’uomo. Questo nostro mondo è spesso danneggiato dalla nostra incuria – dichiara don Grieco – e dal nostro poco amore, tanto da non essere più in grado di provocare in noi lo stupore. Penso ad un seme, ad una zolla di terra, a una goccia d’acqua, a una foglia, realtà così piccole, tanto da far fatica a misurarle o apprezzarle; eppure milioni di questi piccoli doni popolano la nostra terra. Chiediamo solo un gesto di delicatezza verso la nostra amata terra perché tutto diventi opportunità, anche per il creato e non soltanto per l’uomo”.

La quarta Settimana Sociale Diocesana a Cerignola: #ambiente #lavoro #futuro

Dopo la pausa forzata dovuta al Covid-19, ritorna la Settimana Sociale Diocesana che, giunta alla sua quarta edizione, si terrà nei giorni 17-18-19 giugno 2021 nel Seminario Vescovile di Cerignola. Organizzata dall’Ufficio per i Problemi Sociali e del Lavoro, dal Progetto Policoro e dalla Caritas della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, la Settimana Sociale Diocesana avrà uno sguardo rivolto alla Settimana Sociale Nazionale, in programma a Taranto (21-24 ottobre 2021), e che avrà come tema “Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro e futuro. #tuttoèconnesso”.

Il faro resta l’enciclica sociale di papa Francesco “Laudato si’”, che pone al centro la categoria dell’“ecologia integrale”, da intendersi alla luce del nuovo documento pontificio “Fratelli tutti”. La Settimana Sociale Diocesana, infatti, punterà i riflettori sul rapporto tra ecologia ed economia, tra ambiente e lavoro, tra crisi ambientale e crisi sociale, nella consapevolezza che, come ci insegna il pontefice, “non ci sono due crisi separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale” (LS 139).

Il primo giorno sarà dedicato al tema dell’ambiente e del lavoro con uno sguardo propositivo verso il futuro. Il secondo giorno sarà il turno dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Onu. Il terzo giorno, organizzato in collaborazione con l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna (UEPE) di Foggia, in simbiosi con il progetto diocesano “Liberiamo la Speranza”, ci si porrà alla “ricerca di spazi educativi per diventare una Comunità che accoglie e ripara”.

Questo il programma dettagliato dell’iniziativa:

 

17 giugno 2021: ore 18,30-20,30

Il Pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro #tuttoèconnesso verso Taranto

Saluti

Don Pasquale Cotugno, Direttore Caritas Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

Avv. Gaetano Panunzio, Direttore PSL Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

 

Introduzione alla Settima Sociale di Taranto 2021

Don Matteo Martire, Segretario Regionale Puglia, Commissione Episcopale per i Problemi Sociali e del lavoro

 

“Giustizia ambientale e  sociale come condizione per guardare al futuro”

Dott.ssa Vanessa Pallucchi, Vice Presidente Nazionale Legambiente

“Lavoro e ambiente: una dimensione etica”

Prof. Pietro Panzetta, Docente di Gestione delle Risorse Umane e Benessere Organizzativo dell’Università LUMSA di Taranto

 

Presentazione Buone Pratiche

“Coop Palma d’oro”

Lio Lo Conte, Presidente Coop Palma d’oro

“Salsa Bakhita”

Pietro Fragasso, Presidente Coop. Pietra di Scarto

Giuseppe Perta, Operatore Caritas “Progetto Sipla”

 

Conclusioni

Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano, Presidente Commissione Episcopale/CEI per i Problemi Sociali e il Lavoro, la Giustizia e la Pace

 

Modera Prof.ssa Angiola Pedone, PSL della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

 

 

18 giugno 2021: ore 18,30-20,30

“Agenda 2030”

Introduce e modera

Dott.ssa Mattea Belpiede, Co-Direttore Ufficio per la Pastorale Familiare della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

 

Interventi

“L’Agenda 2030. Storia, obiettivi e prospettive future”

Prof.ssa Gabriella Calvano, Ricercatrice di Pedagogia generale e sociale dell’Università degli Studi di Bari, Vice Coordinatrice GDL Educazione RUS

 

“Punto 2. Sconfiggere la fame”

Dott. Antonio Scotti, Presidente Ass. Farina 080 Onlus

 

“Punto 16. Pace, Giustizia e Istituzioni Solide”

Prof.ssa Francesca Delvecchio, Docente di Diritto Processuale penale europeo e comparato del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Foggia

 

 

19 giugno 2021: ore 18,30-20,30

La Giustizia riparativa e Comunità

Introduce e modera

Dott. Giuseppe Russo, Responsabile Progettazione Caritas della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano

 

“Alla ricerca di spazi educativi per diventare una Comunità che accoglie e ripara”

Dott.ssa Mirella Enza Pina Malcangi, Direttore Ufficio Locale Esecuzione Penale Esterna – Foggia

 

“La Giustizia riparativa, per  una comunità solidale e responsabile”

Prof.ssa Patrizia Patrizi, Professoressa ordinaria di Psicologia giuridica e pratiche di giustizia riparativa dell’Università degli Studi di Sassari

Avv. Gaetano Panunzio, Progetto “Liberiamo la Speranza”

 

Conclusioni

Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano, Presidente della Commissione Episcopale/CEI per i Problemi Sociali e il Lavoro, la Giustizia e la Pace

Le diocesi di Puglia verso la Settimana Sociale di Taranto In Capitanata appuntamento online il 15 maggio 2021

La Commissione Regionale, insieme alle delegazioni diocesane, per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia, la pace, la custodia del creato, ha organizzato un cammino di riflessione verso la 49a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, che si terrà a Taranto dal 21 al 24 ottobre 2021.

Il percorso coinvolgerà le diocesi pugliesi per aree geografiche, allo scopo di individuare ed evidenziare i “nodi da sciogliere” relativi all’intero territorio regionale, che saranno convogliati nella più estesa riflessione della Settimana Sociale, dove le questioni ambientali e i temi riguardanti il lavoro troveranno una giusta sintesi, permettendo così di avviare processi condivisi.

Questo il calendario degli appuntamenti:

 

per le diocesi del nord della Puglia (Foggia-Bovino; Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo; Cerignola-Ascoli Satriano; San Severo; Lucera-Troia;). Tema: “Agricoltura e legalità”. Sabato 15 maggio 2021, ore 9, in diretta streaming sulla pagina Facebook “Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano” e sul canale YouTube “DiocesidiCerignola”;

 

per le diocesi del sud della Puglia (Brindisi-Ostuni; Ugento-Santa Maria di Leuca; Nardò-Gallipoli; Lecce; Oria; Otranto; Taranto; Castellaneta). Tema: “Giovani, lavoro e ambiente”. Venerdì 21 maggio 2021, ore 16, in diretta streaming sulla pagina Facebook “Ufficio per la Pastorale Sociale e del Lavoro – Arcidiocesi Lecce” e sul canale YouTube “Portalecce”.

 

per le diocesi del centro della Puglia (Bari-Bitonto; Trani-Barletta-Bisceglie; Molfetta-Giovinazzo-Ruvo-Terlizzi; Conversano-Monopoli; Altamura-Gravina-Acquaviva; Andria). Tema: “Evangelizzazione e transizione ecologica”. Sabato 29 maggio 2021, ore 9,30, in diretta streaming sulla pagina Facebook e sul canale YouTube “Portale Arcidiocesi Bari-Bitonto”.

“E al popolo stava a cuore il lavoro” – Iniziativa dell’Ufficio Diocesano per i Problemi Sociali e il Lavoro per la festa di San Giuseppe Lavoratore

“E al popolo stava a cuore il lavoro” (Ne 3,38) è il titolo del Messaggio pubblicato dalla Commissione Episcopale per i Problemi Sociali e il Lavoro, la Giustizia e la Pace della Conferenza Episcopale Italiana per la Festa del 1° maggio 2021, che sarà celebrata anche nella Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano. L’appuntamento, organizzato dall’Ufficio Diocesano per i Problemi Sociali e il Lavoro, guidato dall’avv. Gaetano Panunzio, si terrà il prossimo 1° maggio 2021 con inizio alle ore 10. La Santa Messa sarà celebrata dal vescovo Luigi Renna nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe, sita a Borgo Tressanti, in agro di Cerignola.

“Nulla ci distolga dall’attenzione verso i lavoratori ‒ scrivono i Vescovi ‒ Parafrasando un celebre brano di ‘Gaudium et spes’, le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce del mondo del lavoro, dei poveri soprattutto e di coloro che soffrono, sono i sentimenti dei discepoli di Cristo Signore. Condividiamo le preoccupazioni, ma ci facciamo carico di sostenere nuove forme di imprenditorialità e di cura. Se ‘tutto è connesso’ (LS 117), lo è anche la Chiesa italiana con la sorte dei propri figli che lavorano o soffrono la mancanza di lavoro. Ci stanno a cuore”.

Alla celebrazione parteciperanno le delegazioni di CISL, UIL CGIL, CIA,  Coldiretti, GAL Piana del Tavoliere, CNOS FAP Cerignola.

VERSO LA SETTIMANA SOCIALE DI TARANTO

Dal 21 al 24 ottobre si svolgerà nella città di Taranto la 49a Settimana Sociale, organizzata dalla Conferenza Episcopale Italiana, che avrà come tema: “Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro e futuro. #tuttoèconnesso”. Si tratta di un evento triennale della Chiesa Cattolica italiana, iniziato nel 1907 ad opera dell’economista Giuseppe Toniolo, che ha lo scopo di approfondire, attraverso relazioni e discussioni in forma laboratoriale, tematiche sociali di rilievo per la vita odierna. In media la partecipazione è circa 1300 delegati, provenienti da tutte le Diocesi d’Italia. Per questo tale importante appuntamento è motivo di onore per la nostra Regione, in particolare per la città di Taranto, segnata purtroppo da gravi questioni ambientali e lavorative, che la porrà sotto i riflettori di tutta la nazione. Un grande onore ma anche un grande impegno per tutte le Diocesi pugliesi. Ecco perché la Consulta regionale delle aggregazioni laicali Puglia, insieme alla Commissione regionale per i problemi sociali e il lavoro, giustizia, pace e custodia del creato, ha organizzato un dibattito con i seguenti relatori:
– S. Ecc. mons . Vito ANGIULI, Vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, Presidente della Commissione Cei e regionale per il laicato, sul tema: “Verso Taranto con metodo sinodale”;
– S. Ecc . mons. Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto e Presidente del Comitato scientifico della Cei per le Settimane Sociali, sul tema: “L’originalità dell’Instrumentum laboris della Settimana Sociale di Taranto;
-prof. Leonardo BECCHETTI, ordinario di Economia Politica presso l’Università di Tor Vergata in Roma e membro del Comitato scientifico delle Settimane Sociali, sul tema: “Emergenza sanitaria, bene comune e buone pratiche nella situazione socioeconomica della Puglia”.
Sarà possibile seguire l’incontro in diretta Facebook sabato, 24 aprile 2021, dalle ore 10 alle 12 sulla pagina della Consulta regionale delle aggregazioni laicali-Puglia http:/www.facebook.com/CRALPUGLIA/

“Economia è vita” – Incontro con il prof. Giuseppe Martino Nicoletti

“L’intima relazione tra i poveri e la fragilità del pianeta; la convinzione che tutto nel mondo è intimamente connesso; la critica al nuovo paradigma e alle forme di potere che derivano dalla tecnologia; l’invito a cercare altri modi di intendere l’economia e il progresso; il valore proprio di ogni creatura; il senso umano dell’ecologia; la necessità di dibattiti sinceri e onesti; la grave responsabilità della politica internazionale e locale; la cultura dello scarto e la proposta di un nuovo stile di vita. Questi temi non vengono mai chiusi o abbandonati, ma anzi costantemente ripresi e arricchiti” (LS 16).

Si terrà venerdì, 26 febbraio 2021, alle ore 20, sulla pagina Facebook “Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano”, l’appuntamento dal titolo “Economia è vita”. Partendo dalla “Laudato sì” di papa Francesco, insieme al prof. Giuseppe Martino Nicoletti, docente ordinario di Scienze Merceologiche nell’Università degli Studi di Foggia, parleremo di come l’economia non solo rappresenti un tratto fondamentale della stessa Enciclica, ma di come il Santo Padre ci inviti a cercare altri modi di intendere l’economia e il progresso, e di come la “cultura dello scarto” è la matrice di una “economia che uccide”. Introdurrà, in qualità di moderatrice, Raffaella Petruzzelli, responsabile CDAL diocesana. Le conclusioni saranno di Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano.

L’evento è organizzato dalla Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, dall’Ufficio Diocesano di Pastorale Sociale e del Lavoro, dall’Azione Cattolica Diocesana, dal CDAL e dal MEIC di Cerignola