Author: pierluigimastroserio

Aiutiamo chi ci aiuta! – A Carapelle, un incontro per promuovere l’8xmille alla Chiesa Cattolica

Si svolgerà il 18 maggio alle ore 17.00  presso la Parrocchia BV Maria del Rosario di Carapelle, l’incontro formativo che si pone all’interno del programma del Servizio per la promozione del Sostegno economico alla Chiesa Cattolica finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana e che vedrà come relatore don Pasquale Ieva, incaricato diocesano per il Sovvenire.

L’incontro avrà come tema la Formazione al Sovvenire nelle parrocchie e intende stimolare le stesse parrocchie a promuovere i valori e gli strumenti del sostegno economico alla Chiesa fra le comunità parrocchiali, primo tra tutti il sistema dell’8xmille. Un’occasione per presentare le tante attività che le parrocchie, grazie agli aiuti economici dei cittadini, mettono in campo e la loro ricaduta sociale soprattutto a favore delle fasce più svantaggiate: iniziative e azioni di solidarietà, condivisione e sostegno alle famiglie, giovani, anziani, italiani e stranieri che formano le comunità parrocchiali. Una ‘mano santa’, quella delle parrocchie italiane, che arriva dove altri strumenti istituzionali territoriali non riescono e che, grazie alla vicinanza e al lavoro dei sacerdoti impegnati nelle opere di solidarietà, riesce ad entrare nei contesti familiari con problemi ed esigenze, tra i giovani e tra gli stranieri, e a dare loro una risposta concreta per il superamento di una difficolta.

Comunicare che tutto questo è stato fatto, si fa e si farà grazie ai sacerdoti che vanno sostenuti non solo con forme di collaborazione e condivisione, ma anche con un contributo economico nel limite delle proprie possibilità, ovvero destinando l’8xmille alla Chiesa Cattolica. La partecipazione delle comunità parrocchiali alla vita della comunità cristiana passa attraverso il supporto finanziario delle attività messe in campo per i soggetti in difficoltà che si rivolgono alle parrocchie.

Nello specifico, l’incontro formativo racconterà come e quanto il sistema dell’8xmille e le Offerte per il sostentamento dei sacerdoti producano fattivamente azioni ed interventi che tutti i giorni si toccano con mano nei contesti più comuni. Si presenteranno dati ed esperienze di come vengono utilizzati questi fondi così da testimoniare la loto utilità sui territori diocesani.

Dare forza e continuità a queste attività è un atto di partecipazione attiva alla vita parrocchiale e di condivisione cristiana con le persone in stato di disagio economico, fisico e sociale.

Durante l’incontro saranno distribuiti ai presenti materiali di informazione e divulgazione sui temi trattati.

Giovedi, 17 maggio 2018

“Dio creò ogni creatura, e Maria generò Dio : Dio che aveva creato ogni cosa, si fece lui stesso creatura di Maria, e ha ricreato così tutto quello che aveva creato. E mentre aveva potuto creare tutte le cose dal nulla, dopo la loro rovina non volle restaurarle senza Maria. Dio dunque è il Padre delle cose create; Maria è la madre delle cose ricreate.”

Sant’Anselmo d’Aosta

Costruire una nuova civiltà dell’amore

Giovedì 17 maggio 2018 alle ore 19.00 presso il salone del seminario vescovile di Cerignola (via Plebiscito, 18) si terrà l’ultimo incontro formativo per i volontari e l’equipe organizzato e promosso dall’Ufficio Diocesano per la pastorale dei migranti – Fondazione Migrantes della Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano. L’incontro dal titolo “Costruire una nuova civiltà dell’amore” sarà presieduto da don Giovanni De Robertis, Direttore Generale della Fondazione Migrantes il quale spiega che “dalle parole del Pontefice emerge chiara la motivazione che la Chiesa, come il suo Maestro, ama i poveri e gli ultimi, come
i migranti, e in loro riconosce Gesù”. L’intero ciclo di incontri formativi iniziato a dicembre con l’obiettivo di consolidare e formare il gruppo di volontari, ha preso spunto dall’attività di Papa Francesco relativa al tema dei migranti. Il Santo Padre, infatti, ha indicato i punti centrali di una visione di accoglienza tenendo conto dei quattro verbi da lui evidenziati nel messaggio della Giornata Mondiale del migrante e del rifugiato 2018: accogliere, proteggere, promuovere, integrare. “[…] Occorre oggi creare in ogni territorio servizi di accompagnamento, non solo per i richiedenti asilo, ma per tutte le persone di quel territorio in difficoltà lavorativa e abitativa accompagnandoli quindi in un progetto di integrazione”.